lunedì 30 novembre 2015

Ci prendono per fessi?

Collettivo artistico Brandalism
 
Hollande e più in generale tutti i politici ed i media europei hanno pesantemente criticato chi ha protestato in occasione dell'apertura della Conferenza sul Clima di Parigi, nota come COP21, rei di non avere portato rispotto per i luoghi ed i morti dell'attacco terroristico del 13 novembre scorso.
Il fatto che coloro che protestano siano mossi da una preoccupazione più che legittima che riguarda il futuro prossimo di noi tutti e dei nostri figli è passato quasi in silenzio in secondo, terzo piano.
I danni causati dalle multinazionali e in generale da chi insegue a tutti i costi il profitto non è invece per nulla stato chiamato in causa.
Ed il motivo è che i politici ed i politicanti che ci amministrano sono finanziati ed imboniti proprio da quelle multinazionali che spargono "letame" e veleni nei nostri mari, campi agricoli, cieli, monti, fiumi...
E' talmente lapalissiano che costoro, questi impostori, non hanno più nemmeno lo scrupolo di difendersi e di negare.
Non è purtroppo tutto.
Esistono anche associazioni e Onlus che fingono di occuparsi di temi ambientali spillando finanziamenti nazionali ed europei con trascorsi e credenziali imbarazzanti.
Questo è il caso di Alisei Ong, una associazione Non Profit di Milano che opera da circa 30 anni. Questa Ong è nota per una truffa organizzata nel mondo dell'edilizia sociale.
Questo il link dell'inchiesta svolta su questo argomentto dal Corriere della Sera ormai 3 anni fa: http://bit.ly/1h4yrxB

Collettivo artistico Brandalism


Ma già anni prima erano state contestate ad Alisei responsabilità molto gravi, come una causa del Tribunale europeo che l'aveva condannata nel 2010 al risarcimento di euro 4.750.000 relativo a somme indebitamente percepite nell'ambito di progetti finanziati dal Fondo Europeo di Sviluppo (FES), ma anche diverse revoche di finanziamenti da parte del Ministero degli Esteri (MAE), per progetti mai consegnati, due fermi amministrativi emessi dalla Protezione Civile e dal Ministero dell'Istruzione, che ha portato per ben 3 volte il MAE a revocarne l'idoneità per svolgere progetti umanitari o di cooperazione internazionale.
Ma per ben 3 volte il TAR del Lazio ha salvato in corner Alisei.
L'ultimo salvataggio ha permesso alla Onlus di partecipare ad Expo 2015 e continuare a tenere convegni universitari dove i propri rappresentanti hanno fatto da relatori su temi quali: “Land, water & resources rights”; “Le filiere in Africa: Sfide e prospettive di sovranità alimentare”, solo per fare un paio di esempi.



http://www.brandalism.org.uk/


Com'é possibile che un'associazione finanziata con fondi pubblici e con queste credenziali e gravi responsabilità possa avere ancora credibilità istituzionale?
Con che faccia i politici italiani ed europei ci vogliono fare credere di essere preoccupati delle sorti dei propri cittadini e delle risorse naturali se tollerano questo scandalo ingiustificatamente?

venerdì 9 ottobre 2015

Il Comune di Roma cancella 178 cooperative sociali.



Il 30 dicembre scorso il Direttore delle Politiche Sociali della regione Lazio ha cancellato 178 societa a.r.l. dall'albo regionale delle cooperative sociali.

Tra queste figura anche una Alisei Cooperativa Sociale A.r.l., forse anch'essa appartenente alla galassia delle false cooperative sociali dell'orbita Alisei Ong. Vedi articolo inerente.

lunedì 31 agosto 2015

Ravenna premia i dirigenti pubblici indagati.


Il Sindaco di Ravenna Fabrizio Matteucci premia i dirigenti del Comune per gli splendidi risultati ottenuti e per l'indefesso lavoro profuso nel difficile compito di ben amministrare la Res Publicae.
Tutti bravi e per questo tutti premiati i 20 dirigenti, anzi stra-premiati con una una tantum che varia dai 5000 € ai 19.000 €, alla faccia della crisi e della spending review!

martedì 4 agosto 2015

Il sistema corruttivo di Alisei Ong. La lettera di un ex-cooperante.

In questo documento che, per garantire l'incolumità della persona che mi ha scritto, pubblico in forma anonima, sono elencati responsabilità e reati gravi che devono essere valutati dagli organi competenti. 


                         
                                                     Lettera prima from Matteo Mattioli

venerdì 31 luglio 2015

Il documentario del 2009 che incastra Alisei Ong.

Una immagine del 2012 durante l'occupazione del cantiere di Filetto (RA).

Chi cerca trova.
Dopo anni di ricerche mai mi sarei immaginato di fare questa scoperta, e invece mi sono imbattuto nel documentario realizzato da Marco Santelli nel 2009 dal titolo "Storie di housing sociale. Viaggio in Europa". 

lunedì 27 luglio 2015

Villaricca (NA), che fine ha fatto l'housing sociale?

A sx Carla Barbarella, già vice presidente di Alisei Ong e presidente Alisei Coop. a dx Vincenzo Cappello, sindaco dimissionario di Piedimonte Matese, arrestato a settembre 2016 per turbativa d'asta e appalti truccati. (foto: Matesenews)


Nel 2008 la Regione Campania ha emesso un bando di gara di “aggiudicazione delle attività di gestione tecnico-amministrative finalizzate alla realizzazione di almeno due iniziative sperimentali di autocostruzione edilizia nel territorio della Regione Campania”. L’importo previsto era di 800mila euro. La Cooperativa Alisei si è aggiudicata il bando, e nel dicembre 2009 si è tenuta la presentazione del Progetto 'Cantieri Aperti', per la realizzazione di due iniziative sperimentali di autocostruzione associata a Villaricca (Na) (25 alloggi previsti) e Piedimonte Matese (Ce) (16 alloggi previsti). Nel mese di giugno 2010 per il Comune di Villaricca e nel mese di agosto 2010 per Piedimonte Matese sono stati pubblicati gli elenchi dei soci delle cooperative edilizie che dovranno realizzare i due interventi.

Giornali e televisioni ne danno notizia in maniera entusiastica... Vedi il servizio di Sky TG24:

                               
                                        Il servizio di Sky TG24 nel cantiere di Villaricca (NA) è andato in onda il 25 e 26 agosto 2012


Il bando venne vinto da AliseiCoop, che ebbe la meglio sul Consorzio ABN di Perugia.
La regione concesse 850.000 €, a fondo perduto per la realizzazione dei due progetti campani.

lunedì 20 luglio 2015

La riluttanza del mondo Non Profit a rivelare le truffe

Rifugiati del Sudan del Sud in attesa per il cibo nel campo profughi di Kule vicino al punto Pagak Border nella regione di Gambella, in Etiopia, il 18 marzo 2014. (SOLAN GEMECHU/AFP/Getty Images)

Con l'aumentare della diffusione di truffe all'interno di progetti in zone di conflitti o catastrofi, le organizzazioni internazionali di cooperazione e di beneficenza sono sotto la lente dell'opinione pubblica per alcuni episodi di corruzione, tuttavia nel corso di un'indagine pubblica della Thomson Reuters Foundation, un terzo dei 25 enti Non Profit intervistati ha rifiutato di rendere pubblici i dati relativi agli ammanchi di bilancio dei propri progetti.

lunedì 13 luglio 2015

Ipergarantismo per i truffatori, nemmeno una risposta per i truffati.

dal sito del Ministero degli Esteri http://bit.ly/1Cm83h6


Dopo l'ennesimo ricorso al TAR del Lazio, il 4° dal 2006 ad oggi, Alisei Ong ottiene una sospensione della revoca dell'idoneità (la seconda) disposta dal Ministero degli Esteri il 22 gennaio 2015, in attesa del giudizio definitivo che ci sarà in merito il 27 gennaio 2016.

A fare da contraltare ai giudici del Tar, così solerti e garantisti, sono invece i giudici della Cassazione, i quali da 8 mesi hanno sulla propria scrivania la causa delle famiglie di Ravenna truffate proprio in un progetto di housing sociale (ascolta l'intervista sulla vicenda)

giovedì 18 giugno 2015

Felice Romeo, l'uomo senza memoria.



Dopo i tanti scandali che hanno coinvolto le cooperative rosse, Legacoop in questi giorni corre ai ripari lanciando la raccolta di firme: #stopfalsecooperative utilizzando un testimonial di indubbia trasparenza ed etica morale: Felice Romeo.

giovedì 4 giugno 2015

La Ong Alisei ad Expo 2015

Foto di Steve McCurry della mostra 'From These Hands: A Journey Along The Coffee Trail'

Sabato 6 giugno nel Cluster tematico del Cacao e del Cioccolato di Expo c'é stata la conferenza dal titolo: Biodiversidade com cacau e cultura feliz – Biodiversità con il cacao e cultura felice” in collaborazione con Sao Tomé e Príncipe, piccolo Stato indipendente e arcipelago al largo dell'Africa centro-occidentale (link dell'evento).

venerdì 8 maggio 2015

I DATI TRUCCATI SULLA DISOCCUPAZIONE.

I dati sulla disoccupazione in Italia sono sconvolgenti, ma ciò che é tragico é che sono anche truccati.
Se i Media fornissero i dati reali probabilmente scenderemmo in piazza e cacceremmo una volta per tutti a calci in culo i politicanti che ci stanno togliendo il futuro, il nostro e quello dei nostri figli.

Io ho provato a sommare alla percentuale dei disoccupati, anche quella degli inoccupati, che in UE è in media del 4,1% ma che in Italia raggiunge il 14% della popolazione: sono coloro che pur potendo, non cercano lavoro perché non sono più motivati. Questo il risultato:

mercoledì 6 maggio 2015

Un secondo strano caso di omonimia.

Dopo i cantieri truffa di Alisei Ong del progetto UN TETTO PER TUTTI, più volte raccontatie dopo il caso di omonimia della cooperativa sociale Alisei Coop di Terni, impegnata in progetti di housing sociale in Campania con modalità del tutto simili a quelli della finta associazione umanitaria milanese, anche nel triste epilogo che stanno avendo, un altro cantiere omonimo al primo di housing sociale assurge alle cronache locali piemontesi per la denuncia di AlessandriaNews.it

lunedì 4 maggio 2015

Il Festival dell'ipocrisia. La riforma del Terzo Settore.

Il 3 ottobre diventerà la giornata nazionale per le vittime dell'immigrazione.
Puro populismo in salsa rosso cooperativa per nascondere lo scandalo che ha suscitato la riforma del Terzo Settore.

Il perché é presto detto.

Il 9 aprile scorso la Camera dei Deputati ha concluso l’esame e ha approvato il Disegno di legge Delega per la Riforma del Terzo Settore, nel quale volutamente si rinuncia alla creazione di un'Authority di vigilanza ad hoc e si apre alla possibilità per le imprese sociali di distribuire utili.

lunedì 20 aprile 2015

Alisei Ong in Gabon e São Tomé


Gli ultimi progetti ancora in corso di Alisei Ong, l'organizzazione non governativa al centro di scandali e revoche di finanziamenti e verso cui il Ministero degli Esteri ha revocato l'idoneità il 22 gennaio 2015 (Leggi comunicazione ufficiale: LINK) sono nel Golfo di Guinea, nell'Africa Occidentale, sulla piccola isola di São Tomé e Principe dove si parla il portoghese, in Tchad, nella regione del Sahel e in Gabon dove da anni collabora con il Governo del Paese e con l'UNHCR a progetti di reinserimento di rifugiati congolesi attraverso microcredito e progetti di agricultura.


venerdì 30 gennaio 2015

Sono state le Ong a provocare le ultime rivoluzioni?

                                               Mariupol, Ucraina - contractor americano fra le file delle truppe ucraine.

Gli interessi all'ombra degli aiuti umanitari.

La vicenda risale al 24 gennaio scorso quando una giornalista di una TV locale ucraina, in maniera del tutto casuale, intercetta un contractor americano tra le fila dei soldati di Kiev, subito dopo la strage di civili al mercato di Mariupol, sotto una pioggia di missili sparati dell'esercito filorusso.

Cosa ci fanno dei militari americani a Kiev?

martedì 27 gennaio 2015

Aggiornamento inchiesta sulla falsa solidarietà trentina.

donne impegnate nella lavorazione del cotone in Costa D'Avorio.

L'inchiesta era stata avviata da una segnalazione della Provincia di Trento a febbraio 2014, durante i controlli sull'utilizzo del denaro elargito nel capitolo della solidarietà internazionale, che aveva accertato alcune irregolarità e aveva revocato i contributi, segnalando tutto alla Procura.